Come un polpo sbattuto

Come un polpo sbattuto ancora vivo contro lo scoglio si arricciolavano i miei pensieri

a Bari fra le barche verdi e gli inviti
favolosi dei venditori
di quella iridescente pena; ma io
non avevo che una moneta
d’impazienza e di notte,
una moneta nera dei paesi
dell’interno, che soffoca le case
fra orizzonti di corda su cui oscilla
la tarantola – un’altra pena; e tu un’altra,
quando dicesti: la pietà è più forte
dell’amore. Più rapida è volata
che il mio odio la mano sulla tua guancia.

(da “Dopo la luna”, Sciascia, 1956)

Related Post

Lascia un commento